Benché questi fatti combacino perfettamente con quanto riportato dalla Bibbia, è necessario evidenziare il fatto che questo non significhi che Gesù fosse il figlio di Dio. Il titolo «figlio di Dio» nella tradizione ebraica ha diverse valenze.Viene attribuito al popolo di Dio: "Israele è il mio figlio primogenito" (Es 4,22), Dall'Egitto ho chiamato mio figlio (Os 11,1).In forma indiretta viene espresso in Dt 14,1; 32,6.18; Is 43,6. Questo titolo è attribuito a … Il Figlio di Dio nasce «scartato per dirci che ogni scartato è figlio di Dio. Milioni di cristiani sono certi che il nostro destino eterno dipende dalla nostra scelta nei riguardi di Cristo (1 Giovanni 5:11-12). La nostra risposta vuole aiutarti a comprendere che egli è in effetti il Figlio di Dio (Giovanni 8:58). (Filippesi 2:6) Sappiamo pure che il Figlio di Dio è venuto e ci ha dato intelligenza per conoscere colui che è il Vero; e noi siamo in colui che è il Vero, cioè, nel suo Figlio Gesù Cristo. È venuto al mondo come viene al mondo un bimbo, debole e fragile, perché noi possiamo accogliere con tenerezza le nostre fragilità. E scoprire una cosa importante: come a Betlemme, così anche con noi Dio ama fare grandi cose attraverso le nostre povertà. e) «Figlio di Dio». "Gesù è nato scartato per dirci che ogni scartato è figlio di Dio". La risposta non dipende dalle nostre preferenze, ma dal fatto che egli sia o meno chi afferma di essere. Ci ha amati tutti con un cuore umano. Per credere nel Dio di Cristo, bisogna poter credere che Gesù è veramente Figlio del Padre e Dio Egli stesso. Di pari passo, Ibn, esclude a priori ogni connotazione biologica, quindi non ‘ueled’. Gesù è la Parola di Dio, come Dio Padre è senza peccato. Oltre che Figlio di Maria, oltre che Cristo-Messia, Gesù è anche «Figlio di Dio». Infatti parlando di Gesù figlio di Dio e anche parlando semplicemente del Figlio di Dio non dobbiamo mai omettere di ricordare l’infinita grandezza di Dio e che le nostre parole non sono capaci di esprimerlo. Il Figlio di Dio è nato scartato per dirci che ogni scartato è figlio di Dio. Il Padre annuncia: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento» (1,11); il Padre lo addita a quanti stanno ricevendo il battesimo di Giovanni: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!» (9,7). 6. 478 Gesù ci ha conosciuti e amati, tutti e ciascuno, durante la sua vita, la sua agonia e la sua passione, e per ognuno di noi si è offerto: il Figlio di Dio «mi ha amato e ha dato se stesso per me» (Gal 2,20). il quale, pur essendo in forma di Dio, non considerò l’essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente. Nella Bibbia in arabo, l’appellativo utilizzato per “Gesù Figlio di Dio” è sempre tradotto con “Iessua Ibn Allah”. Lo ha detto Papa Francesco nella Messa della Notte di Natale chiedendo di rivolgere lo sguardo a chi è più in difficoltà. Ho dato per scontato che questa asserzione sia vera, ma il non credente può obiettare che non è così facile poter credere che una persona fatta di carne e di ossa possa essere Dio.